Solmi: la parabola del potere

22 dicembre 2015
Federico Somi_ The great dictator_Veduta della mostra. Ph Danilo Donzelli

Federico Somi_ The great dictator_Veduta della mostra. Ph Danilo Donzelli

In principio fu Rocco Siffredi. Poi vennero King Kong, i Brangelina, la religione, la politica. Inevitabili le polemiche, perfino gli scandali. Sudati e meritati i riconoscimenti, le mostre internazionali, le conferenze in Accademie e Università prestigiose come Yale. Lui è Federico Solmi, bolognese di nascita e newyorchese di adozione, che dopo sei anni – l’ultima volta fu nel 2009, alla NOTgallery – torna in una città caotica, vitale (e per certi versi assurda) come i suoi video. Fino all’8 gennaio del prossimo anno, nello spazio del Lanificio dove Dino Morra ha trasferito la propria galleria, “andrà in onda” la trilogia “Chinese Democracy and the Last Day on Earth”: circa mezz’ora di vorticose animazioni aventi per oggetto il sogno delirante del Potere, la cui distorta utopia totalitaria finisce inevitabilmente col ritorcerglisi contro, in maniera deflagrante. Ne abbiamo parlato con l’artista. (altro…)

Hula hoop degli artisti solidali

7 dicembre 2015
L'opera di Roxy In The Box

L’opera di Roxy In The Box

Afterall, Marisa Albanese, Antonio Biasiucci, Gabriele Di Matteo, Lino Fiorito, Eugenio Giliberti, Lamberto Lambertini, Christian Leperino, Mariangela Levita, Raffaela Mariniello, Paolo Puddu, Camillo Ripaldi, Rosy Rox, Roxy in the Box, Vincenzo Rusciano, Lamberto Teotino, Eugenio Tibaldi: non manca nessuno all’appello di “HHsharing, “la prima riffa” – recita lo slogan – “che mette in circolo l’ingegno”. (altro…)

Il Ritratto che è un enigma

5 dicembre 2015

Ritratto d'uomo_Antonello da MessinaImpossibile, con quella faccia così, non eccitare schiere di penne: da Burckhardt a Federico Zeri e oltre, fino ai nostri giorni. Discettando a gara sull’identità del misterioso soggetto, che giudizi in ordine sparso hanno definito “sfrontato”, “arrogante”, “furbo” o addirittura la personificazione stessa del Male (Sgarbi). Del resto, la minuziosa anatomia dell’“arco incorruttibile della fronte” – per dirla con Longhi -, dell’enigmatico sorriso, dello sguardo ironico e altero, il virtuosismo tecnico e l’acume psicologico fanno di questo “Ritratto d’uomo” un paradigma del suo autore, Antonello da Messina. (altro…)

loverich@mailxu.com