Ammiccamenti a CapoDIOmonte

24 aprile 2009

Luigi Ontani nel museo con le sue coloratissime opere

CapoDIOMonte. Potrebbe sembrare un refuso. Ma poi il nome dell’artista chiarisce tutto. Perché chi conosce Luigi Ontani conosce la sua passione per i giochi di parole, le ibridazioni visive e lessicali, le iperboliche e ironiche alchimie. Egli stesso, del resto, è un rebis – innocente e provocatorio, eccentrico e pensoso, fanciullesco ed erotico, narciso e fanciullo -, doppio e poliedrico, un colto e raffinatissimo dandy capace di trasformare se stesso e la propria vita in opera d’arte. (altro…)

powroznikgarnet@mailxu.com