È DEL DESIGN IL FIN LA MERAVIGLIA

23 aprile 2009
Cinque secoli d’intelligenza progettuale e magnificenza artistica. Cinquecento anni di grandi mobili italiani in mostra al Palazzo Reale di Milano. A illustrare questo raro “confronto all’americana” uno degli autori del concept, Luigi Settembrini…

 

Come si snoderà il percorso? Il percorso inizia col Manierismo e finisce col Tardo Impero. Aquesto itinerario classico viene contrapposto – come ho già detto – un viaggio che presenta invece mobili e progetti del grande design contemporaneo.

Si parla di allestimento “visionario e minimalista”. Perché? La bellezza, la preziosità, lo scintillio dei mobili e degli oggetti in mostra ha suggerito un allestimento che proprio per non diminuire questo impatto doveva cercare di “sparire”, che navigasse il più lontano possibile dall’arredamento e dalla scenografia. Più facile da dire che da fare. Devo dare atto a Mario Bellini di essere riuscito nell’impresa. L’idea che Bellini ha avuto per contrapporre il contemporaneo al classico è – la vedrete – a un tempo minimalista, perché non disturba il confronto tra epoche e oggetti, ma al tempo stesso visionaria, perché i momenti contemporanei sono messi in scena attraverso delle ”apparizioni”. Non voglio aggiungere altro per non sciupare la sorpresa… (altro…)

abadgrace@mailxu.com ruoho-erica@mailxu.com