Percorsi contemporanei nel centro antico

1 maggio 2009

Storia di ieri, storie di oggi. Ma poche, per la verità, le vicende dell’arte contemporanea che s’incrociano tra i decumani: la maggior parte delle gallerie napoletane ha, infatti, preferito insediarsi in zona Chiaia. E, sul versante istituzionale, a parte gli “Annali delle Arti” al Museo Archeologico Nazionale, s’era visto poco fino al 2005 quando, con gran clamore di folla, aprì i battenti il Madre. Rumori che hanno accompagnato il cammino del “Beaubourg napoletano” fino ad oggi: dalle proteste degli animalisti per i cavalli veri alla mostra di Kounellis, all’infuocato contenzioso a colpi di carte bollate e conferenze stampa tra i vertici del museo Donnaregina e la magistratura intorno alle serate danzanti di Madrenalina. (altro…)

Un reportage sull’Ilva

30 aprile 2009

Beckett alla T293

Quando l’artista si sostituisce allo storico. Non come interprete del passato, ma come archivista di un presente remoto. Progetto intelligente e accurato, quello studiato da James Beckett per il suo ritorno alla T293 (via dei Tribunali 293, fino al 16 maggio). Argomento, l’Ilva di Bagnoli. Elaborato dal giovane sudafricano sotto forma di un reportage visivo e oggettuale che ha aggregato forze esterne al mondo dell’arte, come la Soprintendenza Archivistica per la Campania, il Circolo Ilva e la Società Bagnoli Futura (anche se non si capisce quando, come e se sorgerà questo sol dell’avvenir). (altro…)

“Guattarelle” d’artista per T293

21 novembre 2008

Lucie Fontaine nello spazio di Piazza Amendola

Quando nel 2005 inaugurarono la sede di piazza Amendola, sembrava dovesse essere solo una “succursale” della casa madre, quella “T” stava per (via) “Tribunali” e 293 per il numero civico. Poi, a poco a poco, quella nel quartiere “bene”, accanto allo storico Liceo Umberto, diventò il main space. Dall’ottobre di quest’anno invece, invertendo la tendenza, Paola Guadagnino e Marco Altavilla sono ornati alle origini, in quel decumano massimo sempre più condannato al degrado (architettonico, economico e umano) da un’agenda politica, culturale e massmediatica che ha cassato la parola “riqualificazione”. (altro…)

gilchrestbhy@mailxu.com ruohoviviana@mailxu.com