Il posto delle sagome

10 novembre 2011

Quoi dono lepidum novum libellum
arida modo pumice expolitum?

Raffaele Luongo_ Miei cari genitori, ancora mi attardo, ragion per cui divido l’attenzione tra me, tutto il nostro aver fatto e il tempo saturnino del dottor Isak Borg_ 2011_ tavolo, n. 492 cartoncini, zucchero, sale, bianco d'uovo e segatura_ cm 101,5 x 85 x 95_Courtesy Galleria Alfonso Artiaco, Napoli. Ph. Luciano Romano

Questo mi accade all’età di. E quest’altro ancora all’età di”. Va in rewind la ghiandola pineale di Raffaele Luongo, mentre fa il vuoto nella sua mostra. Corregge continuamente la sua natura complicata e toglie, toglie, toglie. Scavando nei suoi ricordi a piccoli, precisi tocchi di cutter, e impilandoli gli uni sugli altri, 492 volte. Tanti sono i fotogrammi di quel frammento del Posto delle fragole di Ingmar Bergman, in cui il dottor Isak Borg, durante una sosta dal viaggio in macchina nel luogo dove ha vissuto con i suoi fratelli, ritrova i suoi ricordi di bambino. (altro…)

butrick_bhy@mailxu.com truman@mailxu.com