Valsesia, Viceregno, Varallo: Tanzio andata e ritorno

30 dicembre 2014
Antonio d’Enrico detto Tanzio da Varallo_San Carlo Borromeo comunica i malati di peste_1616_olio su tela, 258 x 156 cm_Domodossola, chiesa dei SS Gervasio e Protasio_Ph su concessione Ufficio per i BBCC Ecclesiastici Diocesi di Novara

Antonio d’Enrico detto Tanzio da Varallo_San Carlo Borromeo comunica i malati di peste_1616_olio su tela, 258 x 156 cm_Domodossola, chiesa dei SS Gervasio e Protasio_Ph su concessione Ufficio per i BBCC Ecclesiastici Diocesi di Novara

A mostre così un tempo si era abituati. Ma sono passati troppi anni da quando, tra Castel Sant’Elmo e Capodimonte, venivano inanellate rassegne su Battistello Caracciolo, Jusepe de Ribera, Mattia Preti, Luca Giordano, Giovanni Lanfranco, per chiudere in bellezza con l’ultimo tempo di Caravaggio. A Napoli “si fa” troppo Seicento: un’accusa da rivedere. In primis perché il verbo sarebbe ormai da coniugare al passato; in seconda battuta, perché il Seicento non è mai troppo, considerati le attribuzioni, nuove o rivedute e corrette, e i ritrovamenti ancora in corso, insieme alla necessità di riportare periodicamente in superficie i tesori sommersi nei depositi museali e nelle collezioni private. (altro…)

Artemisia, “la” pittrice del Viceregno

17 gennaio 2012

Al Palazzo Reale di Milano cinquanta opere della Gentileschi ne ricostruiscono il profilo

Artemisia Gentileschi_ La ninfa Corisca e il satiro_ Olio su tela, cm 155 x 210_ Iscrizioni: firmato a destra, su un albero: “ARTEMISIA / GENTILES / CHI”_ Collezione privata © Luciano Pedicini, Napoli

Per Artemisia Gentileschi al Palazzo Reale di Milano, gli ingredienti del successo c’erano tutti: la singolarità del caso, la storia a tinte forti e un dispiegamento di mezzi che riuniva, seppur con rammarico per i prestiti negati, i grandi musei e quelli più defilati, accanto ai “soliti ignoti” (e fortunati) privati. Soprattutto c’erano –e ci saranno fino al 29 gennaio – i quadri. Alcuni riusciti, altri meno, come si conviene ad un progetto teso non alla celebrazione acritica, ma ad estendere una disamina scientifica già avviata vent’anni fa dalla mostra di Casa Buonarroti, a Firenze.
Una cinquantina di opere in tutto, per farsi un’idea di chi e cosa sia stata Artemisia. Senza bisogno di insistere morbosamente sugli aspetti “romanzeschi” della sua vita (già indagati da una letteratura che spazia dai poeti coevi al romanzo omonimo di Anna Banti, fino ad Alexandra Lapierre e Susan Vreeland), e ad onta della passione citata nel titolo e dello scenografico “prologo” ideato dalla regista Emma Dante per accogliere i visitatori: un enorme letto sovrastato da una pioggia di carte, che grazie a un gioco di luci si tinge progressivamente di rosso sangue. Palese riferimento a quel processo per stupro che vide sul banco degli imputati il pittore Agostino Tassi, reo di aver “forzato” la giovane figlia di Orazio (per chi volesse approfondire, si rimanda agli atti del processo curati per Abscondita da Eva Menzio): un pasticciaccio brutto non privo di motivazioni economiche, tale da scatenare in età contemporanea una ridda di interpretazioni psicanalitiche e protofemministe relative ad una produzione costellata di efferati supplizi (Giuditta e Oloferne, Giaele e Sisara) o di allusivi episodi biblici (Susanna e i vecchioni), che si contendono la tela con Maddalene più o meno penitenti, e tutte invariabilmente carnalissime.
Come del resto appare la stessa Artemisia nell’autoritratto in cui pizzica le corde di un liuto: procace, quasi sfrontata, ma soprattutto fiera dei propri talenti e dello status raggiunto. E che, lasciata in tutta fretta la corte medicea (corrisponde, tra gli altri, con Galileo), dopo un passaggio a Roma – giusto il tempo di sbarazzarsi di un marito di comodo, impalmato subito dopo lo scandalo – arriva nell’unica capitale esistente all’epoca in Italia: Napoli.
Ma come arriva la Gentileschi all’ombra del Vesuvio? Mercé un prestigioso protettore – il viceré duca di Alcalà – e non certo da fenomeno anomalo, basti ricordare un’altra “tavolozza” muliebre, Diana De Rosa. Nel Viceregno la pittrice vivrà per oltre vent’anni (fatto salvo il biennio 1638-40 in Inghilterra, per raggiungere il padre) e il lavoro alla sua bottega non mancherà: tra i pezzi forti della mostra meneghina, freschi di restauro, “Il miracolo di San Gennaro nell’anfiteatro” e “I santi Procolo e Nicea” eseguiti per la cattedrale di Pozzuoli, tra le rare commissioni pubbliche ottenute dall’artista, in un ambiente contrassegnato da una competizione estrema, ma anche qualitativamente eccezionale.
Eclettica e ricettiva, Artemisia vive la stagione d’oro della pittura napoletana (e, nel catalogo edito da 24 cultura, il sempre prezioso Renato Ruotolo ne analizza il mecenatismo), in cui rifulgevano gli astri di Ribera, Stanzione, Falcone, Vitale, insieme a quelli dei “forestieri”, in testa Reni e Domenichino. Ella assorbe come una spugna, e restituisce. Aperto e tutto da approfondire il capitolo delle sue collaborazioni: per lo sfondo architettonico del già citato “Miracolo di San Gennaro” sono stati avanzati i nomi di Viviano Codazzi e del più accreditato Micco Spadaro; intenso pure il rapporto con Onofrio Palumbo, senza dimenticare il pesante “debito” che nei suoi confronti contrae Bernardo Cavallino.
Gli ultimi documenti sull’esistenza della Gentileschi si fermano al 1654, termine ipotizzato per la morte. Oggi la sua tomba, indicata dalle fonti in San Giovanni de’ Fiorentini, non esiste più. Rivive però la sua leggenda, fiorita mentr’era ancora in vita, a colpi di encomi o di versi ingiuriosi. Un po’ divina, un po’ puttana Artemisia. Ma soprattutto pittrice. Anzi, per molti, “la” pittrice.

(Roma, 17 gennaio 2012)

www.mostrartemisia.it

Capodimonte. L’ultima opera di Caravaggio da ieri è “in prestito” alla Pinacoteca

21 giugno 2005

E’ il più documentato dei dipinti di Caravaggio, forse l’ultimo. Eppure per anni non venne riconosciuto, tanto da essere attribuito prima al solito seguace non meglio identificato, poi addirittura a Mattia Preti, finché nel 1980 Giorgio Fulco e Vincenzo Pacelli, frugando tra le carte degli archivi, vi impressero in maniera inoppugnabile il sigillo del Maestro, con tanto di data: 1610. Da allora, la “Sant’Orsola confitta dal tiranno” è una star delle rassegne dedicate al lombardo e, senza dubbio, la principale calamità di quanti visitano la sede della Banca Intesa in via Toledo, quel Palazzo Zevallos nel quale la tela, dopo vicissutidini ereditarie snodatesi tra Genova, Napoli ed Eboli, e forse per influenza di un kharma misterioso (l’edificio appartenne anche ai Colonna, protettori napoletani del Merisi), approdò nel 1972, grazie all’interessamento di Raffaele Mattioli. (altro…)

gelino@mailxu.com murrielvernell@mailxu.com