Sorvegliare ed aprire

9 settembre 2011

Marina Paris_ Ambiente 05_ 2009_ lambda print on paper on alluminium and framed_ 112x182 cm. Courtesy IGAV

 

Prende spunto da uno dei più celebri saggi di Michel Foucault – Sorvegliare e punire – l’evento di sabato 10 alla Castiglia di Saluzzo, maniero medievale che, decaduti i fasti del marchesato, nel corso dell’Ottocento venne adibito a carcere. Trista destinazione mantenuta fino al 1992, che la recente opera di riqualificazione ha cercato di far “dimenticare” con una riconversione culturale: dal 2009, nel monumento del cuneese “risiede” la collezione dell’Istituto Garuzzo di Arti Visive, organizzazione nata a Torino nel 2005 che, per missione statutaria, punta sulla valorizzazione degli artisti emergenti, anche fuori dei confini nazionali.
Pochi però i chilometri percorsi stavolta, anche se Dalla cella all’atelier c’è teoricamente un abisso: a curare il progetto Alessandro Demma, che per il riallestimento della raccolta Igav ha “aperto” a nuove acquisizioni ed ha – “performativamente” – invitato il pubblico ad affacciarsi nel cantiere della ricostruzione, affidata ad artisti che operano con diversi media. L’idea di base consiste nel far convergere l’idea di “spazio cellulare”, chiuso e isolato, con la teoria del Panopticon, ovvero della visione complessiva a trecentosessanta gradi.
A due ore di macchina, nello stesso giorno si può passare dalle cupe atmosfere dell’ex reclusorio a quelle bucoliche di Frassineto Po, locus amoenus dell’Alessandrino dove la prima rassegna di arte pubblica Par coii bsogna semnà / Chi semina raccoglie curata da Daria Carmi ha coinvolto e coinvolgerà attivamente la piccola comunità locale: a “fare l’opera” è soprattutto il suo work in progress, e tutto fa brodo, dallo stage di social dance di Agenzia Dancing Days ai ritratti “estemporanei” eseguiti da Luciano Bobba e Ilaria Zennaro nel corso dell’inaugurazione e dell’ultimo sabato, fino al laboratorio Di che materia è fatta l’arte? tenuto da Marco Porta. Una festa di paese, sì, ma a regola d’arte.

www.igav-art.org
www.parcoii.org

         

            

    

(per le immagini, courtesy IGAV)

Tag:
ragans-treva@mailxu.com